I principali fattori di miglioramento corporeo nel metodo del Pilates

I principali fattori di miglioramento corporeo nel metodo del Pilates

Inizialmente il Pilates venne fondato per un rafforzamento generale interno del corpo umano, il fattore estetico divenne una conseguenza naturale dell’evoluzione del metodo.

L’idea di base del Pilates risiede quindi nelle specifiche di differenti obiettivi primari, tra i quali possiamo ricordare:

  • Il miglioramento del sistema circolatorio sanguigno di tutto il corpo
  • Il repentino riequilibrio posturale
  • Il riequilibrio muscolare (specialmente dei muscoli posti in sede più profonda (es: muscoli del pavimento pelvico e paravertebrali).
  • Il recupero generale della vitalità organica dell’intero individuo
  • Il miglioramento psicologico dettato dal sempre costante e crescente miglioramento della salute generale dell’organismo.

Infine vi era uno scopo esterno a quello direttamente fisico, basato sulla costruzione e la preservazione di un organismo, capacitato nel reggere il confronto con lo stress della vita contemporanea, in grado di mantenere energie alternative di riserva, da consumare per il tempo libero e la vita sociale; cosa oggi per molti davvero impossibile, dal momento in cui accusano esclusivamente stanchezza una volta rientrati a casa. 

Naturalmente l’allenamento fisico rappresenta la colonna portante del metodo di esercizio del Pilates, ma lo stesso suo creatore, sosteneva che in parallelo ad esso, sarebbe da sempre stato opportuno cercare di costruire uno stile di vita differente, con abitudini di base  e magari anche alimentazione differenti: più salutari e che portassero ad un avanzamento naturale del riequilibrio psico-fisico totale del corpo.

Joseph Pilates (lo storico ideatore e pioniere dell’omonimo metodo), alimentava il fatto di riuscire ad ottenere uno stile di vita meno stressante possibile, cercando quando possibile di seguire determinate regole come ad esempio queste tre fondamentali:

  • Riuscire a rispettare un numero adeguato di ore di riposo notturno
  • Cercare di ritagliare anche se per pochissimi frangenti di tempo, alcuni spazi per il proprio relax giornaliero
  • Ed infine, forse la cosa più importante e già menzionata, scegliere un tipo di alimentazione consona al proprio fisico, in maniera del tutto equilibrata.

I classici errori comuni da evitare se si sceglie di iniziare a praticare Pilates

Capitava molto spesso che lo stesso Pilates si mettesse ad osservare i comportamenti umani ed animali, individuando nell’uomo un errore comune basato sull’alimentazione.

Nella maggior parte dei casi infatti, le persone che raggiungono un’età importante e diventano anziane, ancora oggi (anzi, soprattutto oggi), tendono a nutrirsi allo stesso modo e con le stesse quantità di cibo che venivano utilizzate durante il loro periodo di vita più attivo e lavorativo.

Questo secondo il Pilates è una cosa completamente errata, dal momento in cui un corpo subisce periodi di vita sedentari accentuati, dovrebbe rapportare l’assunzione di calorie in base al proprio consumo giornaliero.

Tutto questo sta a significare che il metodo Pilates, rappresenta di certo un ottimo strumento per il mantenimento fisico e psicologico, ma che a sua volta, deve assolutamente essere in parallelo supportato da stili di vita e di alimentazione più consoni, specialmente se si desidera raggiungere determinati tipi di risultati finali, sia dal punto di vista fisico che estetico.

Esistono poi una miriade di esercizi e di approcci differenti del metodo, come il Pilates matwork che ingloba alcuni tipi di esercizi a corpo libero, ed il Pilates con macchinari.